AndroidiPadiPhoneRecensioneSignore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo

Recensione di Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo – Strategico per iOS e Android

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, la recensione dello strategico per iOS e Android

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo rappresenta l’ultimo adattamento mobile incentrato sugli amati personaggi e sulle ambientazioni create da JRR Tolkien. Data la perdurante popolarità di Tolkien sulle piattaforme iOS e Android, non sorprende che le sue opere vengano regolarmente “monetizzate”. In questo caso particolare, il gioco assume la forma di un gioco di strategia tradizionale, distinguendosi dal regno degli autobattler.

Il gioco ruota attorno alle figure di spicco de Il Signore degli Anelli, a partire da Bilbo Baggins e Strider (Aragorn). L’uso del termine “eroi” è appropriato per un gioco che presenta una rosa di quarantasei personaggi sbloccabili, tra cui eroi e cattivi. In particolare, combattenti famosi come Gandalf, Legolas e Gimli sono riservati come ricompense speciali.

Come se la cava questa nuova avventura nell’universo di Tolkien? Condividiamo le nostre opinioni in questa recensione de Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo.

Struttura, contenuti e microtransazioni

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, la fase di partenza di uno scontro

I giochi di ruolo strategici per dispositivi mobili hanno guadagnato un’immensa popolarità, soprattutto grazie ai loro comandi intuitivi basati sul tocco. Nel caso de Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, il gioco presenta una narrazione alternativa che si discosta dagli eventi noti ai fan di LOTR, offrendo uno spin-off con gli stessi amati protagonisti nei loro ruoli familiari.

Il gioco si svolge essenzialmente come una battaglia di sogni, che si manifesta attraverso tre distinte campagne per giocatore singolo: la Campagna della Luce, la Campagna dell’Ombra e la Campagna della Gilda. Ogni campagna è composta da vari capitoli, ulteriormente suddivisi in singole missioni in cui l’obiettivo è sconfiggere gli avversari sfruttando le abilità uniche del gruppo. Con l’avanzare dei progressi e l’aumento dei livelli di esperienza, si rendono disponibili ulteriori opzioni, tra cui l’arena e le avventure.

Purtroppo, il gioco introduce fin dall’inizio una meccanica di grinding e risulta evidente che gli sviluppatori hanno deliberatamente adottato questo approccio per prolungare il gioco. Di conseguenza, le sfide diventano eccessivamente difficili se i membri della squadra non sono adeguatamente rafforzati, costringendo i giocatori a rigiocare le missioni precedentemente completate a difficoltà più elevate o a spendere denaro reale.

Sebbene la rosa di personaggi disponibili sia ampia, potrebbe non essere così scontata come ci si aspetterebbe. Ciò è dovuto all’inclusione di personaggi meno noti come Eowyn, Aerendil, Halbarad, Aeldred, Elrohir, Eomer e altri. Se da un lato questo aggiunge profondità e varietà, dall’altro può essere visto come uno svantaggio per un gioco su licenza che mira ad attirare un vasto pubblico, al di là dei soli appassionati di Tolkien.

Gameplay: il più classico degli RPG strategici

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, un combattimento della campagna della gilda

In termini di gameplay, Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo segue un approccio tradizionale, con battaglie di gruppo regolate da un sistema a turni. Tuttavia, a differenza delle meccaniche di combattimento automatizzate discusse nella recensione di Street Fighter: Duel, questo gioco permette ai giocatori di fare scelte e azioni individuali durante le battaglie.

I giocatori hanno la libertà di selezionare i loro bersagli e di affrontarli con attacchi di base. Inoltre, possono scegliere di eseguire azioni speciali che hanno un valore offensivo o un impatto sulle capacità difensive del gruppo. Queste azioni speciali possono includere la cura delle ferite, la demoralizzazione degli avversari e altro ancora. Le scelte e le azioni compiute dal giocatore hanno conseguenze tangibili, giocando un ruolo cruciale nel determinare l’esito delle battaglie e facendo potenzialmente la differenza tra vittoria e sconfitta.

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, un istante di una mossa speciale di Aragorn

Fortunatamente, Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo non incorpora un sistema basato sui biglietti che limita il gioco o richiede un’attesa per il recupero. I giocatori possono giocare ininterrottamente per tutto il tempo che desiderano. Tuttavia, vale la pena notare che il gioco impiega paywall visibili, posizionati strategicamente per ostacolare la progressione e incoraggiare i giocatori a spendere denaro per superare gli ostacoli e proseguire con la campagna.

Di conseguenza, questo introduce un livello significativo di sfida all’inizio, mettendo alla prova le abilità strategiche dei giocatori. Tuttavia, è importante riconoscere che queste sfide derivano principalmente da tattiche di monetizzazione piuttosto che da meccaniche di gioco intricate o sfaccettate. Sebbene affrontare battaglie difficili possa essere piacevole, scoprire che queste difficoltà sono motivate principalmente dal desiderio di monetizzazione può portare a un calo di entusiasmo.

Realizzazione tecnica

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo, ancora sequenze di battaglia

Purtroppo, Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo soffre di discutibili problemi di bilanciamento, ed è un peccato considerando gli encomiabili aspetti tecnici del gioco. Capital Games ha fatto un ottimo lavoro ricreando i personaggi delle saghe di Tolkien con uno stile cartoonesco ma convincente. I personaggi sono dotati di una discreta gamma di animazioni e le battaglie si svolgono in scenari sufficientemente diversificati, anche se servono principalmente come sfondo per i combattimenti.

Il lato positivo è che il gioco sorprende per il suo sound design. La musica orchestrale, epica e coinvolgente, completa perfettamente l’atmosfera ispirata a Tolkien, come ci si aspetterebbe da un prodotto di questa natura. Inoltre, gli effetti delle battaglie sono di grande impatto e contribuiscono a rendere più coinvolgente l’esperienza complessiva. Per una volta, è opportuno alzare il volume dello smartphone e godersi appieno gli aspetti audio del gioco.

6.5

Commento

Il Signore degli Anelli: Eroi della Terra di Mezzo utilizza la famosa licenza di Tolkien in modo modesto, offrendo una familiare esperienza di gioco di ruolo strategico che è piacevole ma manca di distinzione rispetto ad altri titoli dello stesso genere su iOS e Android. Il gioco dimostra competenza tecnica e artistica, presentando un roster di personaggi ampio e diversificato e offrendo contenuti abbondanti che possono tenere impegnati i giocatori per molte ore. Tuttavia, il bilanciamento della difficoltà del gioco è troppo orientato verso la monetizzazione, il che è deplorevole e sminuisce l'esperienza complessiva.

Hunter Assassin

6.5

Pro

  • Offre un'esperienza di gioco di strategia tradizionale
  • Presenta un roster di personaggi ampio e diversificato
  • Offre ampi contenuti e mette in mostra forti aspetti tecnici

Contro

  • I paywall si fanno notare troppo presto
  • Il grinding sembra essere parte integrante della struttura del gioco
  • Manca di profondità tattica e complessità strategica
Articoli correlati
AndroidCoin MasteriPadiPhoneSoluzione

Ottenere Giri Gratuiti Coin Master di Oggi per Giugno 2024

AndroidGenshin ImpactiPadiPhoneNintendo SwitchPCPS4PS5Soluzione

Lyney miglior build Guida per Genshin Impact: Artefatti, armi e squadre

8.0
AndroidiPadiPhoneMyth: Gods of AsgardRecensione

Recensione di Myth: Gods of Asgard: un clone di Hades con un tocco nordico

8.5
Armored Core 6: Fires of RubiconPCPS4PS5RecensioneXboxseriesxXone

Recensione di Armored Core 6: Fires of Rubicon: un capolavoro mech di FromSoftware