AndroidArena BreakoutiPadiPhoneRecensione

Recensione di Arena Breakout: sparatutto tattico con grafica immersiva

Arena Breakout, la recensione dello sparatutto mobile in stile Escape from Tarkov

Cosa si aspettano le persone da un gioco sparatutto mobile? Bene, le opinioni possono variare, ma la maggior parte delle persone lo immagina come un’esperienza rapida, ricca di azione ed emozionante con controlli facili da usare che bilanciano accuratezza e semplicità.

Abbiamo avuto l’opportunità di testare il nuovo gioco sparatutto mobile di Tencent, ma non ha soddisfatto le nostre aspettative in base alle caratteristiche che abbiamo menzionato in precedenza. La versione ad accesso anticipato non attirava abbastanza giocatori, quindi abbiamo deciso di aspettare l’apertura ufficiale dei server per comprendere meglio cosa sia Arena Breakout.

Nonostante lo sforzo del gioco di replicare la formula di Escape from Tarkov sui dispositivi mobili, l’esperienza non è stata proprio come previsto. Arena Breakout sembrava trascurare alcuni principi essenziali del mobile gaming. Queste osservazioni e impressioni sono discusse ulteriormente nella recensione di Arena Breakout.

Struttura: formula interessante, eppure…

Arena Breakout, perquisire i cadaveri è d'obbligo

L’idea alla base di Arena Breakout è semplice: controlli un soldato che crei utilizzando un editor. Verrai reclutato in una squadra di tre membri e inviato su mappe diverse. L’obiettivo principale è eliminare i nemici, ma soprattutto raccogliere armi e oggetti di valore. Per completare con successo la missione, dovrai raggiungere specifici punti di estrazione all’interno dello scenario.

Il sistema di bottino è il punto focale del gioco. Ha due scopi principali: in primo luogo, ci consente di migliorare personalmente acquisendo attrezzature migliori di quelle che abbiamo attualmente. In secondo luogo, possiamo impegnarci nello scambio e nella rivendita di oggetti, che diventano disponibili una volta raggiunto il livello 3 nel gioco.

Purtroppo, pur traendo ispirazione da Escape from Tarkov, il team di sviluppo ha trascurato la necessità di adeguate semplificazioni e automazioni richieste in un gioco mobile, che è cruciale per vari motivi. Ad esempio, quando provi ad aprire il gioco per una sessione veloce durante una breve pausa, potresti trovarti bloccato nel bel mezzo di una delle tante spiegazioni su come gestire l’inventario, rendendo difficile entrare prontamente nel gioco.

L’aspetto più complesso e ingombrante del gioco è probabilmente il sistema di inventario, caratterizzato da un’interfaccia tutt’altro che user-friendly. Ci vuole molto tempo e impegno per comprenderlo e abituarsi ad esso. Anche le attività di base come la gestione delle munizioni possono diventare piuttosto complicate in Arena Breakout. Tuttavia, i giocatori devono fare i conti con queste complessità; altrimenti si ritroveranno indifesi sul campo di battaglia senza mezzi per proteggersi.

Arena Breakout, la schermata dell'inventario

L’aspetto del saccheggio, che è il fulcro del gioco, è gravato da inutili tempi di attesa per “esaminare” inizialmente oggetti sconosciuti. Quindi, i giocatori devono decidere se mettere questi oggetti nello zaino o sostituire il loro equipaggiamento attuale con armi o armature migliori. Tuttavia, la goffaggine dell’interfaccia rende questo processo frustrante, specialmente se combinato con la mancanza di risposta dei controlli touch.

Oltre a tutto questo, il gioco è fortemente influenzato dalle microtransazioni. La schermata principale è ingombra di numerosi pacchetti e notifiche che incoraggiano costantemente i giocatori a effettuare acquisti. Queste transazioni includono oggetti come armi, munizioni e oggetti cosmetici per personalizzare i loro avatar. Sfortunatamente, le notifiche non possono essere disattivate senza impegnarsi in qualche forma di acquisto.

Gameplay: niente fuoco automatico e crolla il castello di carte

Arena Breakout, il fuoco manuale ha senso solo in queste situazioni

La pesantezza e la complessità complessive del gioco, che possono essere scoraggianti per gli utenti meno pazienti, non sono il problema più significativo di Arena Breakout. Nonostante abbia eccellenti aspetti tecnici, il sistema di controllo soffre di una grave mancanza di fuoco automatico, con conseguenti diversi inconvenienti significativi.

Questo problema è stato ampiamente discusso nel corso degli anni: in uno sparatutto mobile, avere un pulsante di fuoco separato non ha molto senso. Quando miriamo a un nemico nel mirino, non lo facciamo certo per scambiarci convenevoli; questo diventa ancora più evidente in un gioco in cui le munizioni sono scarse e critiche. Sprecare proiettili preziosi per inseguire un avversario con una raffica di fuoco è semplicemente poco pratico.

Arena Breakout, ampi spazi ma pochi nemici

Inoltre, questo approccio obsoleto al sistema di controllo influisce anche sull’intelligenza artificiale. Le unità nemiche sono ridotte a fantocci statici senza capacità di muoversi o eseguire strategie di attacco sensate. Questa limitazione deriva dal fatto che se i nemici fossero più agili e attivi, i giocatori faticherebbero a reagire in modo efficace dato che devono gestire il movimento, la mira, per poi chiedere gentilmente agli avversari di stare fermi mentre effettuano il tiro. Di conseguenza, l’esperienza complessiva soffre di una mancanza di incontri dinamici e stimolanti.

In effetti, questa impostazione di controllo riduce notevolmente l’esperienza di gioco, rendendola eccessivamente semplicistica e poco impegnativa. Sebbene possa funzionare ragionevolmente bene per i tiri a lungo raggio usando il mirino da cecchino, cade rapidamente a pezzi nei combattimenti dinamici. La combinazione di munizioni sprecate e goffi movimenti delle dita porta a incontri frustranti e caotici, lasciando i giocatori esasperati e faticando a impegnarsi in un gameplay fluido e divertente. I limiti del sistema di controllo ostacolano il potenziale per scenari di combattimento fluidi ed entusiasmanti, lasciando molto a desiderare nell’esperienza di gioco complessiva.

Tecnicamente parlando

Arena Breakout graficamente è solido ma ampiamente già visto

Come affermato in precedenza, dal punto di vista tecnico, Arena Breakout dimostra prestazioni solide, sebbene mostri numerosi elementi familiari. L’ambientazione della guerra moderna ha fortemente influenzato il genere degli sparatutto per un tempo considerevole, risultando in una moltitudine di risorse generiche e ripetitive sullo schermo. Inoltre, l’impressionante qualità del gioco ha un costo. Anche quando si gioca con impostazioni medio-alte, Arena Breakout tende a causare problemi di surriscaldamento anche sui dispositivi di ultima generazione, che possono influire negativamente sull’esperienza di gioco complessiva.

In sintesi, Arena Breakout manca del talento visivo, dei colpi di scena inaspettati e della personalità distintiva che si possono trovare nei giochi meno convenzionali disponibili su entrambe le piattaforme iOS e Android. La grafica non offre caratteristiche uniche o straordinarie, contribuendo allo stereotipo generale del gioco. Allo stesso modo, il comparto sonoro non riesce a stupire, con dialoghi in inglese ripetitivi che spiegano incessantemente le cose ai giocatori che preferirebbero passare quel tempo a giocare effettivamente. La mancanza di originalità sia nella grafica che nell’audio può lasciare i giocatori desiderosi di esperienze più coinvolgenti e accattivanti.

6.0

Conclusioni

Arena Breakout adotta un concetto intrigante, ma sembra poco adatto a un contesto di gioco mobile. Purtroppo, gli sviluppatori hanno compiuto sforzi minimi per ottimizzare le meccaniche del gioco e semplificarne la struttura, risultando in un'esperienza meno immediata e digeribile per i giocatori abituati a sparatutto frenetici e ricchi di azione. I giocatori mobili spesso preferiscono i giochi di cui possono divertirsi durante brevi pause, ma l'interfaccia del gioco si rivela eccessivamente ingombrante e poco reattiva. Inoltre, l'assenza del fuoco automatico ostacola gravemente il gameplay, rendendo le battaglie statiche e frustranti, togliendo l'entusiasmo generale del gioco. Inoltre, le continue interruzioni per il saccheggio non fanno che aumentare l'insoddisfazione, smorzando ulteriormente l'esperienza di gioco.

Hunter Assassin

6.0

Pro

  • La formula del gioco ha i suoi pregi e aspetti unici.
  • Il gioco offre contenuti abbondanti, garantendo una varietà di esperienze.
  • Dal punto di vista tecnico, il gioco è stabile e competente, anche se manca di carattere distintivo.

Contro

  • Il ritmo del gioco è eccessivamente lento e macchinoso, portando alla frustrazione.
  • La mancanza di fuoco automatico ha un impatto significativo sull'esperienza di gioco.
  • I controlli non rispondono e il gioco tende a surriscaldarsi anche con impostazioni medie.
Articoli correlati
AndroidCoin MasteriPadiPhoneSoluzione

Ottenere Giri Gratuiti Coin Master di Oggi per Giugno 2024

AndroidGenshin ImpactiPadiPhoneNintendo SwitchPCPS4PS5Soluzione

Lyney miglior build Guida per Genshin Impact: Artefatti, armi e squadre

8.0
AndroidiPadiPhoneMyth: Gods of AsgardRecensione

Recensione di Myth: Gods of Asgard: un clone di Hades con un tocco nordico

8.5
Armored Core 6: Fires of RubiconPCPS4PS5RecensioneXboxseriesxXone

Recensione di Armored Core 6: Fires of Rubicon: un capolavoro mech di FromSoftware