AndroidiPadiPhoneRecensionesfida la regina degli scacchi

Recensione Di sfida la regina degli scacchi: The Queen’s Gambit Chess di netflix

Sfida la Regina degli Scacchi, la recensione del tie-in di Queen's Gambit da Netflix

Tra le numerose serie disponibili sul vasto catalogo di Netflix, La Regina degli Scacchi emerge indubbiamente come una delle più avvincenti. La trama narra le vicende di Beth Harmon, una giovane orfana le cui straordinarie abilità negli scacchi si rivelano, spingendola a coltivare il desiderio di trasformare questa passione in una meta ambiziosa: divenire una figura di rilievo nell’ambito del gioco a livello globale.

Certamente, i soggetti affrontati nello spettacolo con Anya Taylor-Joy vanno oltre il gioco e, al contrario, affrontano argomenti altrettanto dibattuti, come l’uso improprio di sostanze, la dipendenza dall’alcol, la sofferenza e le disparità. Tuttavia, nessuno di questi aspetti trova spazio nel videogioco fruibile gratuitamente su dispositivi iOS e Android per coloro che sono iscritti alla piattaforma di streaming.

Quindi stiamo parlando solamente di una simulazione? La risposta troviamo nella recensione di Sfida la Regina degli Scacchi.

Struttura: dalla serie al gioco

Sfida la Regina degli Scacchi, la scacchiera vista di lato

All’origine, “Sfida la Regina degli Scacchi” rappresenta essenzialmente un gioco di scacchi arricchito dall’utilizzo dei personaggi e degli scenari della serie televisiva. Questi elementi sono ingegnosamente integrati per condurci attraverso un percorso di apprendimento strettamente legato alla nostra abilità di manovrare la scacchiera. Il percorso formativo inizia con un tutorial esaustivo e altamente guidato, il quale progressivamente ci fornisce tutte le informazioni, regole e strategie fondamentali per poi permetterci di muovere le nostre pedine con sicurezza e autonomia.

All’inizio del percorso, è fattibile selezionare il livello di sfida a seconda della propria familiarità con gli scacchi. Di conseguenza, l’approccio formativo si adatta, partendo completamente dalle fondamenta per coloro che si avvicinano come principianti assoluti. Tuttavia, coloro che vantano già una certa dimestichezza con il gioco inevitabilmente si troveranno a fronteggiare sfide semplici e poco stimolanti.

In parallelo alla modalità giocatore singolo, contraddistinta dal conseguente guadagno di gettoni spendibili per l’acquisto di scenari, avatar, bandiere e elementi vari, si può partecipare a varie opzioni multigiocatore competitive. Queste opzioni comprendono il gioco a turni per l’uso su un unico dispositivo e ovviamente una modalità PvP online che, comunque, richiede un certo grado di maestria per essere sfruttata con successo.

Le partite di scacchi possono estendersi per un periodo considerevole, ed è proprio per questa ragione che il sistema di avvisi incorporato nel gioco ci informerà mediante un messaggio nel caso in cui il nostro avversario abbia effettuato la sua mossa. Questo ci consente di rispondere e continuare lo svolgimento del match. Naturalmente, a meno che non ci si conosca bene, è importante considerare la probabilità che uno dei due giocatori possa abbandonare la partita in corso.

Gameplay e tecnica

Sfida la Regina degli Scacchi, le varie tappe della campagna riprendono i luoghi della serie TV

Indubbiamente, esiste una chiara connessione tra l’aspetto tecnico dell’implementazione di “Sfida la Regina degli Scacchi” e la sua esperienza di gioco. Questo perché un’esperienza di tale natura richiedeva un’interfaccia estremamente reattiva e fluida. Tuttavia, la realtà è che muoversi sulla scacchiera, selezionare le caselle e persino premere i pulsanti è accompagnato da un fastidioso ritardo, il quale purtroppo ne caratterizza l’interazione complessiva.

Le scelte a disposizione sono molteplici, anche grazie alla capacità di cambiare tra una visione tridimensionale libera, completa di rotazione e zoom, e un diagramma bidimensionale per ottenere la massima chiarezza concepibile. Tuttavia, le dinamiche si semplificano a quelle che ci si potrebbe aspettare da un simulatore tradizionale, in questa situazione particolarmente centrato sulla fase introduttiva e con un coinvolgimento degli eventi della serie limitato alla cornice di sfondo.

7.0

Conclusioni

Il gioco "Sfida alla Sovrana degli Scacchi" si ispira alla popolare serie Netflix per offrire un simulatore abbastanza convenzionale, con un'enfasi particolare sulla sezione tutorial (che potrebbe risultare monotona per coloro che sono già familiari con gli scacchi), e introduce elementi divertenti ispirati alla capacità della protagonista di visualizzare mentalmente la scacchiera e prevedere le mosse avversarie. La componente multiplayer indubbiamente presenta un notevole potenziale, mentre dal punto di vista tecnico, il gioco avrebbe bisogno di un'ottimizzazione significativa per affrontare la sensazione di "pesantezza" che la grafica trasmette persino durante la navigazione basilare dei menu.

Hunter Assassin

7.0

Pro

  • Ideale per acquisire competenze nel gioco degli scacchi
  • Un'ampia gamma di contenuti, diverse possibilità per giocare in multiplayer
  • Elementi intriganti ispirati alla serie Netflix

Contro

  • Potrebbe risultare monotono per coloro che sono già esperti nel gioco
  • La grafica rallentata in modo incomprensibile richiede maggiore prontezza
  • Nell'ambito del multiplayer, è preferibile sfidare esclusivamente compagni fidati
Articoli correlati
AndroidCoin MasteriPadiPhoneSoluzione

Ottenere Giri Gratuiti Coin Master di Oggi per Giugno 2024

AndroidGenshin ImpactiPadiPhoneNintendo SwitchPCPS4PS5Soluzione

Lyney miglior build Guida per Genshin Impact: Artefatti, armi e squadre

8.0
AndroidiPadiPhoneMyth: Gods of AsgardRecensione

Recensione di Myth: Gods of Asgard: un clone di Hades con un tocco nordico

8.5
Armored Core 6: Fires of RubiconPCPS4PS5RecensioneXboxseriesxXone

Recensione di Armored Core 6: Fires of Rubicon: un capolavoro mech di FromSoftware