iPadiPhoneRecensioneWhat the Car?

Recensione di What the Car? – Emozionante analisi di un folle gioco di guida

What the Car?, la recensione di un folle gioco di "guida"

Il successo di giochi come “What the Bat” e “What the Golf” ha portato alla creazione di sequel e giochi simili. Seguendo questa evoluzione naturale, ora abbiamo “What the Car?” sviluppato da Triband e disponibile su Apple Arcade. Il team dietro questi giochi, come risulta evidente dal loro sito ufficiale chiamato “What the Games”, sembra avere la deliberata intenzione di continuare con questo stile. Sebbene possa essere difficile identificare una chiara logica sottostante, l’assenza di una è in realtà una caratteristica distintiva della serie e non possiamo lamentarci.

A prima vista, “What the Car?” sembra essere un gioco di guida realizzato sotto l’influenza di allucinogeni. Tuttavia, a un esame più attento, diventa evidente che si tratta davvero di un gioco di corse sviluppato con un tocco di follia, pur mantenendo una struttura di gioco funzionale.

L’attenzione del gioco al gameplay evidenzia l’attenzione che è stata posta nel suo design, andando oltre il suo aspetto folle. “Che macchina?” riesce a fornire una sfida basata sull’abilità con difficoltà crescente, rompendo sistematicamente le convenzioni dei tradizionali giochi di guida. Allo stesso tempo, satira con successo la cultura automobilistica che tipicamente domina tali giochi.

In questo gioco, l’auto stessa diventa un oggetto goffo ed essenzialmente inutile, che richiede abilità significative solo per guidarla dal punto di partenza al traguardo. Questo indipendentemente dalle tipiche sfide e caratteristiche presenti nei tradizionali giochi di corse. Questo aspetto riflette la caratteristica fondamentale della serie “What The”: costruire giochi decostruendo e deridendo sistematicamente le convenzioni dei generi a cui fanno riferimento. In tal modo, stabiliscono nuove regole che si allineano con il loro concetto di gioco unico e preciso.

La macchina con le gambe

In What the Car, l'auto assume connotati ogni volta sempre più bizzarri

Il gameplay in “What the Car?” è concettualmente semplice: l’obiettivo è guidare il veicolo dal punto di partenza al traguardo. Non c’è bisogno di preoccuparsi del sorpasso degli avversari o di limiti di tempo rigidi. La sfida principale sta semplicemente nel cercare di raggiungere la fine, il che può rivelarsi piuttosto difficile in molti casi. Mentre le prestazioni vengono valutate alla fine della gara, durante l’azione i giocatori devono confrontarsi con controlli bizzarri e concentrarsi sullo sterzo dell’auto verso il traguardo, piuttosto che sulla velocità, lo stile o i potenziali pericoli che potrebbero finire sotto le ruote (o piedi) dell’auto. I comandi disponibili sono costituiti da un volante da girare e da un pulsante che può fungere da clacson o attivare salti, razzi o altre modifiche temporanee applicate alla vettura.

L’unicità del gioco deriva dal fatto che il veicolo subisce continue trasformazioni ad ogni corsa. Le ruote sono spesso sostituite da gambe, a volte numerose e massicce, o addirittura da jetpack o orsi. Ogni trasformazione altera in modo significativo il modo in cui l’auto deve essere manovrata. Inoltre, le piste stesse rappresentano una sfida significativa con i loro layout complessi, caratterizzati da curve, strapiombi, ponti e ostacoli da evitare. Questo rende ogni gara una vera prova di abilità e presenta un’esperienza coinvolgente e stimolante per i giocatori.

What the Car ci pone davanti a situazioni spiazzanti

Man mano che i giocatori avanzano nel gioco, “What the Car?” aumenta gradualmente il caos, in particolare nelle fasi successive. Quella che inizia come un’esperienza relativamente leggera diventa sempre più intensa e raggiunge livelli impressionanti di caos. La mappa del gioco diventa più intricata, offrendo una varietà di percorsi ramificati e sfide da affrontare.

La grafica in “What the Car?” mantenere lo stile distinto visto nei precedenti giochi “What The”. Il gioco presenta uno strano e minimalista mondo 3D, abitato da peculiari orsi meccanici e veicoli animati. Le scelte estetiche si allineano perfettamente con la follia complessiva del gioco e l’attenzione ai dettagli nelle animazioni traspare anche nelle situazioni più assurde. Il sistema fisico leggermente approssimativo contribuisce ulteriormente alla natura caotica del gioco, aggiungendo un ulteriore livello di divertimento per i giocatori.

7.5

Commento

"Che macchina?" continua nella tradizione dei precedenti giochi di Triband incarnando il metodo nella sua follia. Decostruendo e satirando gli elementi tradizionali dei giochi di guida, il gioco riesce a stabilire regole solide e una struttura di gioco che funziona perfettamente, anche nella sua assurdità. Sebbene offra ampie opportunità di ridere, man mano che i giocatori avanzano nei livelli, diventa una sfida che richiede una seria considerazione, anche se con un approccio leggermente meno strutturato e coerente rispetto a "What the Golf". Nel complesso, è una fantastica aggiunta al catalogo Apple Arcade, che ne aumenta ulteriormente l'appeal e lo rende ancora più avvincente per i giocatori.

Hunter Assassin

7.5

Pro

  • Un'esperienza di gioco veramente interattiva e folle.
  • Il gameplay diventa più strutturato e divertente man mano che i giocatori avanzano a livelli più avanzati.
  • Variazioni continue e interessanti mantengono il gioco coinvolgente.

Contro

  • L'introduzione alle meccaniche e ai concetti del gioco è troppo graduale, il che potrebbe comportare un inizio più lento per alcuni giocatori.
  • Il gioco può essere percepito come meno rigoroso e coerente rispetto ad altri giochi della serie "What the".
Articoli correlati
AndroidCoin MasteriPadiPhoneSoluzione

Ottenere Giri Gratuiti Coin Master di Oggi per Giugno 2024

AndroidGenshin ImpactiPadiPhoneNintendo SwitchPCPS4PS5Soluzione

Lyney miglior build Guida per Genshin Impact: Artefatti, armi e squadre

8.0
AndroidiPadiPhoneMyth: Gods of AsgardRecensione

Recensione di Myth: Gods of Asgard: un clone di Hades con un tocco nordico

8.5
Armored Core 6: Fires of RubiconPCPS4PS5RecensioneXboxseriesxXone

Recensione di Armored Core 6: Fires of Rubicon: un capolavoro mech di FromSoftware